Sembra quindi che Magic Leap sia alla ricerca di ulteriori finanziamenti. Da sommarsi ai circa 1.4 miliardi di dollari già investiti nell’azienda. Quest’ultima somma è già senza precedenti, per cui parlare di ulteriori finanziamenti non è così sorprendente. L’incredibile ammontare di investimenti che Magic Leap ha raccolto rappresenta uno dei principali elementi per cui mi sono interessato a questa società.

Se Magic Leap sarà in grado di raggiungere questo obiettivo, sarà sicuramente un’importante notizia, soprattutto dopo il piccolo focolaio mediatico creatosi lo scorso anno, quando un articolo pubblicato su The Information ha messo in dubbio alcuni dei rumors più ambiziosi che circondano l’azienda. Molte persone hanno colto quest’occasione per screditare senza alcuna prova concreta Magic Leap. Tutto ciò deriva in gran parte dalla moda diffusa nel web di non riflettere accuratamente prima di diffondere le proprie opinioni. Ho già espresso il mio disappunto su questo verso la fine di un mio precedente articolo, quindi non ne riparlerò nuovamente. Indipendentemente dal perché, il sentimento pubblico sembra comunque essere contrario all’azienda, anche se un’eventuale ulteriore raccolta di finanziamenti significherebbe ancor di più  l’inevitabile rilascio in tempi brevi del dispositivo.

Magic Leap ha dichiarato di aver presentato al consiglio di amministrazione di Febbraio un’approfondita dimostrazione della propria tecnologia. Anche se non è possibile sapere effettivamente cosa sia successo durante tale riunione, è possibile supporre che sia stata positiva in quanto gli investitori sono disposti ad un aumento dei finanziamenti. Il momento era molto delicato, in seguito soprattutto alla pressione pubblica sulla società e alla conseguente analisi critica da parte dei maggiori investitori come Google e Alibaba.

Perché hanno bisogno di più soldi?

Come hanno fatto a spendere 1.4 miliardi di dollari? Una somma così stratosferica. Karl Guttag ha giustamente sottolineato che un’azienda come Avegant ha potuto sviluppare una tecnologia simile a Magic Leap con investimenti notevolmente inferiori. Non voglio a questo punto minimizzare il lavoro di Avegant, in quanto sembra davvero impressionante, anche se purtroppo non è un prodotto, ma solamente un prototipo, presumibilmente molto simile a quello che Magic Leap ha avuto fino al 2015.

Costruire un prodotto, non un prototipo, in scala è molto difficile e costoso. È particolarmente oneroso soprattutto quando si decide di costruire non solo il prodotto, ma anche l’intera catena produttiva. Questo è praticamente senza precedenti. Neppure Apple è in grado di esercitare questo tipo di controllo sulla sua catena di fornitura. Il tutto diventa ancor più complesso quando la maggior parte dei propri contenuti viene realizzata in-house. Solo Nintendo è in grado di sostenere qualcosa di simile. Nel frattempo Magic Leap continua ad investire fortemente in R&S per perfezionare il dispositivo e pensare al futuro. Questa propensione alla R&S è tipica delle società come Google e Microsoft. Mentre è in corso tutto ciò, un altro oneroso impegno riguarda il rapporto con altre aziende per l’organizzazione di un ecosistema di sviluppo, fondamentale per integrare i contenuti con i prodotti di terze parti.

Magic Leap ha quindi bisogno di ulteriori finanziamenti perché sta cercando di essere migliore di Apple, Google, Microsoft e Nintendo. Ciò che ha realizzato Avegant è sì impressionante, ma si è finora limitata alla fase di sviluppo più “economica”. La restante fase richiede ancora un impegno ingegneristico monumentale. Magic Leap è attualmente nel mezzo di questo percorso e sta compiendo un enorme sforzo per realizzare un prodotto convincente per soddisfare le richieste dei consumatori. Per questo Magic Leap ha speso i suoi soldi e per questo ne sta raccogliendo degli altri. Tutto ciò è affascinante e sembra che passo dopo passo stia raggiungendo il suo obiettivo.

The following two tabs change content below.

Davide Rossi

Ciao! Sono Davide, il webmaster di Magic Leap Blog. Appassionato di tecnologia ma ancor più di innovazione. La mia missione è di tenerti sempre aggiornato su Magic Leap, la startup che rivoluzionerà nei prossimi anni il mondo dei computer.